WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Ursus arctos ssp. arctos


Non ApplicabileCarente di DatiMinor PreoccupazioneQuasi MinacciataVulnerabileIn PericoloCREstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACHORDATAMAMMALIACARNIVORAURSIDAE

Nome scientificoUrsus arctos ssp. arctos
DescrittoreLinnaeus, 1758
Nome comuneOrso bruno

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
In Pericolo Critico (CR) D
Anno di pubblicazione 2013
AutoriClaudio Groff, Paolo Ciucci, Luigi Boitani
RevisoriUZI, Atit
CompilatoriCarlo Rondinini, Alessia Battistoni, Valentina Peronace, Corrado Teofili
Razionale Valutata In Pericolo Critico (CR) perché la popolazione stimata va da 33 a 36 individui e nonostante sia in costante crescita, lo status di conservazione rimane piuttosto precario.

Areale Geografico

DistribuzioneIn Italia è presente nelle Alpi Centrali, con nucleo centrale nel Trentino occidentale, nel Tarvisiano e zone di confine tra Friuli Venezia Giulia e Slovenia. In Trentino, nel Parco Nazionale Adamello-Brenta, il territorio occupato dalle femmine ricopre 863 km2 (Groff et al. 2011).

Popolazione

PopolazioneA seguito dei 10 rilasci operati tra il 1999 ed 2002, in Trentino attualmente è presente un nucleo di circa 33-36 individui, stimati attraverso monitoraggio genetico delle femmine, e si riscontra un andamento in costante crescita. Nel 2011 il numero di individui maturi è 17, di cui 10 femmine e 7 maschi (Groff et al. 2011). Nelle Alpi orientali italiane sono presenti pochi individui (indicativamente meno di 12) provenienti dalla popolazione Dinarico-Balcanica, arrivati per dispersione naturale. Nessun caso di riproduzione è stato accertato successivamente al 1988 ed il nucleo presente nelle Alpi orientali italiane non può pertanto essere considerato vitale(AA. VV. 2010, PACOBACE).
Tendenza della popolazioneIn aumento

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaL'orso bruno mostra un forte legame con gli ecosistemi forestali di montagna (querceti, faggete, boschi di conifere). Tuttavia questa preferenza potrebbe rappresentare almeno in parte una risposta comportamentale al disturbo antropico. Infatti nelle ore notturne l'orso bruno compie frequenti incursioni in ambienti aperti e a valle. Secondo osservazioni effettuate sugli orsi del Trentino, la specie si trova prevalentemente a quote comprese tra 500 e 1600 m s.l.m. (G.M. Carpaneto & P. Ciucci in Boitani et al. 2003).
AmbienteTerrestre

Minacce

Principali minacceI principali fattori di minaccia sono quelli demografici e stocastici dovuti alla piccola dimensione della popolazione. Nonostante l' Orso bruno sia protetto in Italia dal 1939, il bracconaggio rappresenta tuttora una potenziale minaccia per la popolazione alpina. Altre cause di mortalità sono valanghe, predazione sui cuccioli. La persecuzione che l'uomo esercita sull' Orso è legata principalmente ai danni che esso causa ad alcune attività quali la pastorizia e l'apicoltura. Questo comportamento predatorio è all'origine dell'intensa persecuzione che ha determinato la scomparsa della specie da buona parte d'Italia (E. Dupré & P. Genovesi in Spagnesi & Toso 1999).

Misure di conservazione

Misure di conservazioneLa specie è protetta in Europa dalla Convenzione di Berna e d è elencata in appendice II, IV della direttiva Habitat (92/43/CEE). Tutte le popolazioni europee di orso sono inserite nell'appendice II della CITES. In Italia l'orso bruno è oggetto di protezione legale dal 1939 (G.M. Carpaneto & P. Ciucci in Boitani et al. 2003). Presente in aree protette. Pubblicato il Piano d'Azione interregionale per la conservazione dell'Orso Bruno sulle Alpi Centro-Orientali (2010, PACOBACE). È necessario attivare azioni di comunicazione a scala sovraregionale e sovranazionale, assicurare programmi di monitoraggio della popolazione di orso e dei danni registrati, attivare una politica coerente ed organica di programmi di prevenzione e compensazione dei danni (AA. VV. 2010, PACOBACE).

Bibliografia

AA. VV. (2010), Piano d'Azione Interregionale per la Conservazione dell'Orso Bruno nelle Alpi Centro-Orientali - PACOBACE. Quad. Cons. NaturaMinistero Ambiente - ISPRA

Boitani, L., Lovari, S. & Vigna Taglianti, A. (2003), Fauna d'Italia, Mammalia III: Carnivora - Artiodactyla Calderini, Bologna


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)