WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Salamandra atra


Non ApplicabileCarente di DatiLCQuasi MinacciataVulnerabileIn PericoloIn Pericolo CriticoEstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACHORDATAAMPHIBIACAUDATASALAMANDRIDAE

Nome scientificoSalamandra atra
DescrittoreLaurenti, 1768
Nome comuneSALAMANDRA ALPINA
Note tassonomicheSono state descritte quattro sottospecie sottospecie la cui validità è ancora incerta: Salamandra atra atra, S. a. aurorae, S. a. pasubiensis, S. a. prenjensis. Le prime tre sono presenti in Italia (L. Bonato & G. Fracasso in Sindaco et al 2006).

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
Minor Preoccupazione (LC)
Anno di pubblicazione 2013
AutoriFranco Andreone, Lucio Bonato, Claudia Corti, Francesco Ficetola, Edoardo Razzetti, Enrico Romanazzi, Antonio Romano, Roberto Sindaco
RevisoriUZI, SHI
CompilatoriCarlo Rondinini, Alessia Battistoni, Valentina Peronace, Corrado Teofili
RazionaleValutata specie a Minor Preoccupazione (LC) per l'assenza di minacce specifiche, la scarsa pressione antropica in gran parte dell'areale della specie e per l'assenza di evidenze di un declino della popolazione nazionale.

Areale Geografico

DistribuzioneSpecie presente sulle Alpi e sui Monti Dinarici, con alcune popolazioni isolate fino all'Albania. Distribuita in Italia sulle Alpi centro-orientali, dalla Lombardia al Friuli. Vive a quote comprese tra 900 e 2500 m slm (L. Bonato & G. Fracasso in Sindaco et al 2006).

Popolazione

PopolazioneS. a. atra è relativamente abbondante in parte dell'areale italiano, in particolare sulle Dolomiti e in Carnia. L'areale appare frammentato anche se ciò può dipendere in parte dall'elusività della specie e dallo sforzo di ricerca non uniforme, sopratutto nelle zone alpine più remote (L. Bonato & G. Fracasso in Sindaco et al 2006). Le ssp. aurorae e pasubiensis sono estremamente localizzate e esigue dal punto di vista numerico.
Tendenza della popolazioneStabile

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaFrequenta praterie alpine freschi e umidi, pascoli rocciosi, brughiere e boschi (conifere, latifoglie e misti). Non è associata all'acqua, stante il tipo di riproduzione vivipara (L. Bonato & G. Fracasso in Sindaco et al 2006).
Le ssp. aurorae e pasubiensis vivono in ambienti tipicamente forestali.
AmbienteTerrestre
Altitudine
(metri sopra il livello del mare)
Max: 2500 m
Min: 900 m


Minacce

Principali minacceNon esistono minacce specifiche per la ssp. S. a. atra.
Al contrario la ssp. S. a. aurorae è fortemente minacciata dalla gestione forestale irrazionale.

Misure di conservazione

Misure di conservazioneElencata in appendice IV della direttiva Habitat (92/43/CEE) e nell'appendice II della Convenzione di Berna. Presente in aree protette.

Bibliografia

Lanza, B., Andreone, F., Bologna, M.A., Corti, C., Razzetti, E. (2007), Fauna d'Italia, Amphibia Calderini, Bologna

Sindaco, R., Doria, G., Razzetti, E. & Bernini, F. (2006), Atlante degli anfibi e rettili d'Italia Societas Herpetologica Italica, Edizioni Polistampa, Firenze


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)