WWW.IUCN.ORG
ministero_ambiente
federparchi

Barbus tyberinus


Non ApplicabileCarente di DatiMinor PreoccupazioneQuasi MinacciataVUIn PericoloIn Pericolo CriticoEstinta nella RegioneEstinta in Ambiente SelvaticoEstinta

Tassonomia

RegnoPhylumClasseOrdineFamiglia
ANIMALIACHORDATAOSTEICHTHYESCYPRINIFORMESCYPRINIDAE

Nome scientificoBarbus tyberinus
DescrittoreBonaparte, 1839
Nome comuneBARBO TIBERINO

Informazioni sulla valutazione

Categoria e criteri
della Lista Rossa
Vulnerabile (VU) A2ce
Anno di pubblicazione 2013
AutoriPier Giorgio Bianco, Vincenzo Caputo, Venera Ferrito, Massimo Lorenzoni, Francesco Nonnis Marzano, Fabrizio Stefani, Andrea Sabatini, Lorenzo Tancioni
RevisoriUZI
CompilatoriCarlo Rondinini, Alessia Battistoni, Valentina Peronace, Corrado Teofili
RazionaleLa specie viene valutata Vulnerabile (VU) secondo il criterio A per una diminuzione notevole della popolazione negli ultimi 10 anni a causa di introduzione delle alloctone e perdita di habitat (captazione delle acque); l'areale inoltre è altamente frammentato a causa della presenza delle alloctone in pianura che tagliano le connessioni con i tratti dei fiumi, provocando l'interruzione del flusso genico. Minacciata anche dall'ibridazione con congenerici introdotti: B. barbus e B. plebejus.

Areale Geografico

DistribuzioneSpecie endemica italiana, è presente lungo il versante tirrenico della penisola, probabilmente indigeno in tutti i fiumi dei bacini compresi tra il fiume Magra a nord e il fiume Sele al sud. Non è frequente nei laghi di Bolsena e di Bracciano (Bianco 1989).Recentemente segnalata nel bacino del Brenta, ed è stata attribuita ad antichi fenomeni di connessione fluviale tra l'area padano-veneta e quella tosco-laziale (Buonerba 2010). Esemplari di Barbus sp., morfologicamente (forma e livrea) riferibili a B. tyberinus, sono stati recentenente osservati in bacini del Molise (es. Biferno e Trigno) e della Basilicata (es. Basento e Agri) (Tancioni com. pers.).

Popolazione

PopolazioneNei corsi principali del distretto Tosco-Laziale (Arno, Ombrone, Tevere e Albenga) la specie è in declino a causa dell'introduzione di specie aliene (Barbus plebejus, Luciobarbus graellsii, Barbus barbus). Nell'Ombrone, nella parte terminale dell'Albegna, nel bacino del Paglia (Lorenzoni 2010) la specie è in forte declino. Nell'asta principale del Tevere e dell'Arno la specie è scomparsa a causa dell'introduzione di B. barbus.
Tendenza della popolazioneIn declino

Habitat ed Ecologia

Habitat ed EcologiaSpecie gregaria e bentonica, diffusa principalmente nelle acque correnti e ben ossigenate dei fiumi e torrenti appenninici dell'Italia centro meridionale. Preferisce substrati ghiaiosi e sabbiosi, in corsi d'acqua a bassa profondità. La specie non ama le acque ferme, soltanto in rari casi si incontra nei laghi. Sembra che le temperature estive ottimali siano comprese tra i 10 ed i 22 C°. In inverno questi pesci si rifugiano in gruppi nelle profonde cavità presenti fra i massi del substrato.
AmbienteAcqua dolce

Minacce

Principali minacceLa specie è minacciata dalla perdita di habitat a causa della captazione delle acque, alterazione dell'habitat, introduzione di alloctone, cambiamento climatico e inquinamento genetico fra specie di Barbus, con particolare riguardo alle popolazioni di B. tyberinus minacciate dalla presenza dell'alloctono B. barbus (Buonerba 2010). Interruzione del flusso genico.

Misure di conservazione

Misure di conservazioneNon ci sono informazioni riguardo alle misure di conservazione.

Bibliografia

Angeli, V., Bicchi, A., Carosi, A., Pedicillo, G., Lorenzoni, M. (2006), Caratterizzazione morfometrica e meristica di Barbus barbus (Linnaeus, 1758) e Barbus tyberinus Bonaparte, 1839 nel bacino del fiume Paglia. Quaderni E.T.P. n.34: pp. 45-54

Bianco, P.G, Santoro, E. (2004), Biologia della rovella, del cavedano e del barbo nei bacini del Parco Nazionale del Cilentoe Vallo di Diano (Pisces; Cyprinidae). Atti 9° conv. AIIAD, Biologia Ambientale n.18: pp. 79-84

Bianco, P.G. (1993), L'Ittiofauna continentale dell'Appennino umbro-marchigiano, barriera semipermeabile allo scambio di componenti primarie tra gli oppositi versanti dell'Italia centrale. Biogeographia n.17 pp. 427-483

Bianco, P.G. (1995a), A revision of the Italian Barbus species (Cypriniformes: Cyprinidae). Ichthiol. Explor. Freshwat. n.6(4) pp. 305-324

Bianco, P.G. (1998), Diversity of Barbinae fishes in southern Europe with description of a new genus & a new species (Cyprinidae). Ital. J. Zool. n.65: pp. 125-136

Bianco, P.G. (2003), Barbus tyberinus Bonaparte, 1839 In: P.M. Banarescu & N.G. Bogutskaya (eds), The Freshwater Fishes of Europe., Wiesbaden, Germany pp. 425-449

Carosi A., Corboli M., Ghetti L., Pace R., Pedicillo G., Mearelli M., Lorenzoni M. (2004), Stato e conservazione delle comunità ittiche del fiume Tevere in Umbria. XIV Congresso della società Italiana di Ecologia, (4-6 Ottobre 2004, Siena)

Carosi, A., Ghetti, L., Pedicillo, G., Lorenzoni, M. (2007), Distribuzione ed abbondanza di Barbus tyberinus Bonaparte, 1839 nel bacino umbro del fiume Tevere. XVI Congresso della Società Italiana di Ecologia, Viterbo/Civitavecchia

Carosi, A., Pedicillo, G., Bicchi, A., Angeli, V., Ghetti, L., Lorenzoni, M. (2006), Distribuzione e abbondanza di Barbus barbus (Linnaeus, 1758) nel bacino del fiume Tevere in Umbria. Quaderni E.T.P. n.34: pp. 241-250

Eboli, A. (2002), La biologia riproduttiva del barbo (Barbus tyberinus, Bonaparte 1839) e del cavedano (Leuciscus cephalus, Linnaeus 1758) nel basso corso del Tevere: contributo di base nell'identificazione di nuovi indicatori ecologici. Tesi di laurea in Scienze Biologiche, Facoltà di Scienze M.M.F.F.N.N.Università di Roma "La Sapienza";;;;;;"Civitelli, M. V., Cataudella, S., Tancioni, L. pp. Thesis

Kottelat M, Freyhof J. (2007), Handbook of European freshwater fishes Publications Kottelat, Cornol

Livi, S., De Innocentis, S., Longobardi, A., Cataudella, S., Tancioni, L., Rampacci, M., Marino, G. (2012), Genetic characterization of Barbus spp. populations in central Italy for restocking activities in conservation aquaculture. J. Fish Biol. n.doi: 10.1111/jfb.12021.

Lorenzoni, M., Carosi, A., Angeli, V., Bicchi, A., Pedicillo, G., Viali, P. (2006), Individuazione e riconoscimento dei barbi autoctoni nel bacino del fiume Paglia. Provincia di Terni Assessorato alla Programmazione Faunistica, Terni pp. 53 + CD

Lorenzoni, M., Ghetti, L., Carosi, A., Dolciami, R. (2010), La fauna ittica e i corsi d'acqua dell'Umbria. Sintesi delle Carte Ittiche regionali dal 1986 al 2009 Petruzzi Editore, Perugia pp. 288

Nonnis Marzano, F., Piccinini, A., Palanti, E., Nocita, A., Apollonio, M. (2010), Stato delle popolazioni ittiche del territorio Toscano con particolare riferimento alle specie a rischio. Amministrazione Regionale Toscana (Firenze)

Porcellotti, S. (2001), Web Museum della Fauna Europea

Tancioni L., Cecchetti M., Costa C., Eboli A., Di Marco P. (2010b), Contributo alla conoscenza della biologia riproduttiva del barbo tiberino, Barbus tyberinus Bonaparte, 1839. Quaderni EPT n.30: pp. 155-158

Tancioni, L., Cataudella, S. (Ed.) (2009), Carta Ittica della Provincia di Roma - Contributo alla conoscenza Ecologica delle acque correnti superficiali della Provincia. Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" e Provincia di Roma- Assessorato alle Politiche dell'Agricoltura., Roma pp. 363

Tsigenopoulos, C.S., Kotlík, P., Berrebi, P., (2002), Biogeography & pattern of gene flow among Barbus species (Teleostei: Cyprinidae) inhabiting the Italian Peninsula & neighbouring Adriatic drainages as revealed by allozyme & mitochondrial sequence data. Biological Journal of the Linnean Society. n.75(1) pp. 83-99


Cerca nella Lista Rossa:
(genere, specie o nome comune...)